La VallE d'Aosta e l'Europa

Come funziona il Programma

In questa pagina trovi informazioni sul Sigeco, l'attività di monitoraggio e valutazione, le misure antifrode e la comunicazione.

Sistema di gestione e controllo

Il Sigeco delinea le funzioni e le procedure delle due Autorità previste per l’attuazione del Programma (Adg e Adc) sulla base delle indicazioni derivanti dalla normativa europea e da previsioni di carattere nazionale, in un quadro di piena corrispondenza con la normativa regionale in tema di organizzazione delle strutture amministrative.

Il Manuale delle procedure dell’Autorità di gestione, con i relativi allegati, costituisce lo strumento operativo per i beneficiari e per tutti i soggetti che intervengono a vario titolo nell’attuazione del Programma (Strutture regionali/Organismi intermedi). Contiene la descrizione dettagliata delle procedure dell’Autorità di gestione del Programma.

Monitoraggio

Il monitoraggio è il complesso di procedure, tecniche e attività volte alla rilevazione e al trattamento dei dati relativi allo stato di attuazione finanziaria, fisica e procedurale dei programmi cofinanziati indispensabili per garantire una corretta sorveglianza e valutazione degli stessi. La Regione autonoma Valle d'Aosta ha realizzato il sistema informativo SISPREG2014 che permette di monitorare i Programmi e di supportare le attività di rendicontazione e certificazione delle spese. Le operazioni di monitoraggio si svolgono bimestralmente.

Gestione Progetti SISPREG2014

Valutazione

Le valutazioni sono volte a migliorare la qualità, l'efficacia e la coerenza dell'intervento dei Fondi nonché la strategia e l'attuazione dei programmi operativi. Particolare riguardo vi è per i problemi strutturali specifici che caratterizzano gli Stati membri e le regioni interessate, tenendo conto, al tempo stesso, dell'obiettivo di sviluppo sostenibile e della pertinente normativa comunitaria in materia di valutazione di impatto ambientale (Via) e valutazione ambientale strategica (Vas). Le valutazioni possono essere di natura strategica, al fine di esaminare l'evoluzione di un programma (o di un gruppo di programmi) rispetto alle priorità comunitarie e nazionali, oppure di natura operativa, al fine di sostenere la sorveglianza di un programma operativo.

Le valutazioni sono effettuate prima (valutazione ex ante), durante (valutazione in itineree dopo (valutazione ex postil periodo di programmazione.

Valutazione ex ante

Effettuata sotto la responsabilità dell'Autorità di gestione del Programma, è presentata alla Commissione europea contemporaneamente al Programma stesso, unitamente ad una sintesi.

Valutazione ambientale strategica

Costituisce un importante strumento per l'integrazione delle considerazioni di carattere ambientale nell'elaborazione dei programmi che possono avere effetti significativi sull'ambiente, in quanto garantisce che gli effetti dell'attuazione dei piani e dei programmi siano presi in considerazione prima della loro adozione formale.

Valutazione in itinere

In questa fase si intende valutare la capacità di conseguimento degli orientamenti strategici assunti nella Politica regionale di sviluppo e in ciascuno dei Programmi considerati e, quindi, del valore aggiunto che essi, tanto nel complesso quanto singolarmente, sono in grado di apportare all’attuazione della Strategia Europa 2020. In termini operativi, si tratta di analizzare e misurare:

  • il conseguimento di obiettivi tematici, priorità d’investimento, obiettivi specifici e degli obiettivi trasversali dei Programmi (promozione della parità di genere, non discriminazione e sviluppo sostenibile) della Politica regionale di sviluppo (dimensione collettiva, focalizzazione sulla specificità alpina, approccio partecipativo);
  • i livelli di realizzazione e i risultati degli interventi attuati nonché, ove possibile per quella che ne è la tipologia, anche il loro impatto nel periodo di attuazione della programmazione;
  • le problematicità incontrate nella fase di attuazione e le modalità/azioni che possono essere implementate per il loro superamento.

Valutazione ex post

La principale finalità di questa fase consiste nel valutare l’efficacia e il follow up dei programmi cofinanziati, riguardo al contributo che essi sono stati in grado di generare per il conseguimento delle priorità e degli obiettivi della strategia Europa 2020. Il soggetto principale che si fa carico della realizzazione di questa fase valutativa è la Commissione europea, secondo una tempistica realizzativa che individua nel dicembre 2024 la data di conclusione.

Antifrode

L’Autorità di gestione istituisce misure antifrode efficaci e proporzionate, tenendo conto dei rischi individuati. La Commissione europea raccomanda che le Autorità di gestione adottino un approccio strutturato e mirato alla gestione del rischio frode e, a tale proposito, ha sviluppato uno strumento informatico integrato per la valutazione del rischio frode per supportare le attività di verifica delle Autorità di gestione dei Fondi SIE e contenente dati provenienti da varie fonti interne ed esterne al Programma. Pertanto, i dati contenuti nelle banche dati a disposizione della Commissione europea saranno utilizzati, attraverso l’applicativo informatico Arachne, dall’Autorità di gestione per l’individuazione degli indicatori di rischio frode.

Strumento di valutazione del rischio Arachne

Comunicazione e informazione

Il ruolo della comunicazione ha assunto negli ultimi anni un rilievo sempre maggiore, tanto che lo sviluppo di un'adeguata strategia di informazione e di comunicazione è diventato uno dei presupposti del successo delle politiche e delle iniziative dell'Unione europea.

Con i termini comunicazione ed informazione si indicano due concetti distinti ma non scindibili:

  • la comunicazione può essere definita come l'attività (di un'impresa, della pubblica amministrazione) volta a stabilire e a mantenere il contatto col pubblico (attraverso specifici canali di trasmissione), in modo da tenere viva l'attenzione sul proprio marchio/segno distintivo e sulle proprie attività/prodotti;
  • l'informazione rappresenta il messaggio (il contenuto) da trasmettere per mezzo della comunicazione e consente al ricevente di avere conoscenza di fatti, situazioni, notizie, ragguagli.

La Strategia di comunicazione consiste nel diffondere informazioni su obiettivi, opportunità di finanziamento e risultati dei Programmi operativi e dei Progetti della Politica di coesione cofinanziata dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR). La Strategia si inserisce, inoltre, in un più ampio progetto di informazione e comunicazione volto a promuovere i contenuti e gli obiettivi della Politica regionale di sviluppo per il periodo 2014/20. Il successo di tale strategia dipende dall'impegno attivo delle autorità regionali in grado di raggiungere o di sensibilizzare i cittadini. 

Eventi 

L'Autorità di gestione assicura che le misure di informazione e comunicazione siano realizzate conformemente alla Strategia di comunicazione e che mirino alla massima copertura mediatica utilizzando diverse forme e metodi di comunicazione al livello appropriato. Di seguito, gli eventi rientranti nell'ambito del Programma Investimenti per la crescita e l'occupazione 2014/20 (FESR):

  • Evento di lancio La montagna che cresce, tenutosi ad Aosta l'8 giugno 2015: Presentazione dei nuovi programmi cofinanziati nell’ambito della Programmazione 2014/20;
  • Evento annuale Notte Europea dei Ricercatori, tenutosi il 30 settembre 2016: L'iniziativa è rientrata nelle attività di supporto all'implementazione, al monitoraggio e alla comunicazione della Strategia di specializzazione intelligente, finanziate dalla Regione Autonoma Valle d'Aosta nell'ambito del Programma;
  • Evento annuale Gli incubatori di impresa per lo sviluppo del territorio: esperienze a confronto, tenutosi il 21 febbraio 2017: Confronto all’insegna dell’innovazione, per riuscire ad analizzare le potenzialità di crescita ancora inesplorate per il tessuto imprenditoriale valdostano, attraverso uno scambio con realtà extra-territoriali;
  • Cantiere evento al castello di Aymavilles, tenutosi dal 4 al 26 agosto 2018, nell’ambito dell’iniziativa Châteaux ouverts: Dimostrazione al pubblico dei risultati degli interventi realizzati nell’ambito dell’asse 5 del Programma;
  • Evento annuale, nell’ambito della celebrazione della Giornata internazionale della montagna 2018 tenutasi il 7 dicembre: Promozione della mobilità sostenibile e dell’uso della bicicletta come modalità alternativa di trasporto e come stile di vita per la Valle d’Aosta. L'iniziativa ha informato la popolazione sui progetti finanziati nell’ambito dell’asse 4 del Programma, volti a sostenere la transizione verso un'economia a bassa emissione di carbonio in tutti i settori;
  • Presentazione del "Cammino Balteo", tenutosi al Castello Gamba di Châtillon il 25 ottobre 2019: L'itinerario presentato rientra nel progetto strategico “Bassa Via della Valle d’Aosta” cofinanziato nell’ambito del Programma per un importo di 4 milioni e 700 mila euro.
  • Evento annuale La Valle d’Aosta e l’Europa: Un sito, un Progetto, tenutosi ad Aosta il 18 giugno 2019: Presentazione del nuovo canale tematico Europa del sito internet della Regione autonoma Valle d'Aosta finanziato nell’ambito dell’asse 2 del Programma “Investimenti per la crescita e l’occupazione 2014/20” (FESR). L’evento è stato l’occasione per fare il punto sullo stato di avanzamento del Programma e presentarne le principali realizzazioni e le opportunità ancora aperte.