La Valle d'Aosta e l'Europa

Otto giardini per scoprire il patrimonio naturale delle Alpi

Nel progetto JardinAlp per la promozione della flora alpina ci sono quattro giardini alpini valdostani. Tra questi c’è il Castel Savoia a Gressoney-Saint-Jean.

Il Castel Savoia e il suo giardino. ©Struttura Biodiversità e aree naturali protette
Il Castel Savoia e il suo giardino. ©Struttura Biodiversità e aree naturali protette

Migliorare le condizioni di visita nelle strutture degli otto giardini botanici alpini coinvolti, mettere questi giardini in rete, condividere competenze e strumenti al servizio della valorizzazione del patrimonio naturale e della scoperta del massiccio alpino a livello transfrontaliero. È l’obiettivo primario del progetto JardinAlp, co-finanziato dal Programma Interreg Italia-Francia Alcotra. Gli otto giardini coinvolti sono: i giardini di Charance (Gap), Lautaret (Dipartimento delle Alte Alpi), Paradisia (Cogne), Castel Savoia (Gressoney-Saint-Jean), Chanousia (La Thuile), Saussurea (Courmayeur), Valderia (Cuneo) e le stazioni botaniche del Marguarais (aree protette Alpi Marittime). 

Diverse le attività finora svolte: scambi di esperienze, interventi di ripristino dei giardini (anche per favorire la fruizione delle persone con disabilità) iniziative di comunicazione e animazione rivolte al grande pubblico (visite guidate, incontri di approfondimento, seminari fotografici ed eventi di LandArt in giardino). 

In ogni giardino, i visitatori seguono percorsi di scoperta della flora delle alpi. Possono anche, grazie a un insieme di strumenti, scoprire il patrimonio alpino, visitare gli altri giardini del progetto e scoprire alcuni settori delle Alpi che presentano una vegetazione emblematica.

Molto è stato realizzato anche nel settore comunicazione, per divulgare queste bellezze italo-francesi. Tra le iniziative realizzate, la partecipazione a Euroflora, a Genova, nel 2018, dove lo stand della Valle d’Aosta è stato dedicato al progetto, così come le pubblicazioni dei vari partner e video di presentazione della rete dei giardini.  

Nel corso dell’estate 2020, saranno completati gli interventi di restauro delle strutture previsti.    

Nuova linfa al Parco del Castel Savoia di Gressoney-Saint-Jean

Anche il Giardino botanico alpino Castel Savoia è oggetto di importanti interventi di valorizzazione grazie al progetto JardinAlp. Realizzato nel 1990 dalla Regione autonoma Valle d’Aosta, è situato in una radura tra imponenti abeti, ai piedi delle mura del castello che conferisce al luogo un’atmosfera romantica e fiabesca. L’impostazione degli spazi privilegia l’aspetto estetico delle specie vegetali accolte, di particolare pregio ornamentale, con fioriture rigogliose, colorate e appariscenti.

Un percorso agevolato permetterà l’accesso alle persone diversamente abili e molte roccere saranno riallestite, sulla base di una nuova impostazione scientifica. Sempre grazie al progetto, è in corso il restauro del fabbricato conosciuto come autorimessa della regina. Sarà adibito a spazio espositivo e ospiterà un allestimento dedicato alla storia del castello, al giardino, al parco e all’ambiente naturale circostante. Nelle immediate vicinanze, è possibile ammirare l’installazione di Land Art Looking for, curata dall’artista valdostana Chicco Margaroli.

Più informazioni per la visita al Giardino botanico Castel Savoia

Contatti Assessorato Ambiente, risorse naturali e corpo forestale, Dipartimento ambiente, Struttura biodiversità e aree naturali protette 0165 27 2170

Comune: Gressoney-Saint-Jean, Parco di Castel Savoia

Altitudine: 1.350 metri

Periodo di visita: il castello e il suo parco sono aperti tutto l’anno ma i periodi consigliati per visitare il giardino sono da maggio a fine settembre

Ingresso gratuito