Vai al contenuto principale

La Valle d'Aosta e l'Europa

Logo Europa

Fondo europeo di sviluppo regionale 2021/27

In questa pagina trovi prime informazioni utili a conoscere il Programma Fesr 2021/27 della Regione Valle d'Aosta / Vallée d'Aoste, cofinanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR).

La proposta di Programma FESR 2021/27 della Valle d’Aosta

Il Programma FESR 2021/27 della Valle d’Aosta, dal valore complessivo di 92.489.293,00 euro, prevede di sostenere nel prossimo settennio tre Obiettivi strategici:

  • OP 1 – Un’Europa più competitiva e intelligente, al fine di:
    • sviluppare e rafforzare le capacità di ricerca e di innovazione e l’introduzione di tecnologie avanzate;
    • permettere ai cittadini, alle imprese, alle organizzazioni di ricerca e alle autorità pubbliche di cogliere i vantaggi della digitalizzazione;
    • rafforzare la crescita sostenibile e la competitività delle PMI e la creazione di posti di lavoro nelle PMI, anche grazie agli investimenti produttivi;
    • rafforzare la connettività digitale;
  • OP 2 – Un’Europa resiliente, più verde e a basse emissioni di carbonio, al fine di:
    • promuovere l’efficienza energetica e ridurre le emissioni di gas a effetto serra;
    • promuovere le energie rinnovabili in conformità della direttiva (UE) 2018/2001, compresi i criteri di sostenibilità ivi stabiliti;
    • promuovere l’adattamento ai cambiamenti climatici, la prevenzione dei rischi di catastrofe e la resilienza, prendendo in considerazione approcci ecosistemici;
    • promuovere la mobilità urbana multimodale sostenibile quale parte della transizione verso un’economia a zero emissioni nette di carbonio;
  • OP 4 – Un’Europa più sociale, al fine di:
    • rafforzare il ruolo della cultura e del turismo sostenibile nello sviluppo economico, nell'inclusione sociale e nell'innovazione sociale.

La strategia del Programma e la sua declinazione sono il risultato, da un lato, di un percorso che ha visto il coinvolgimento delle strutture regionali e del partenariato istituzionale, economico, sociale e ambientale, della società civile e dei cittadini, nell’ambito della definizione del Quadro strategico regionale di Sviluppo sostenibile 2030, dall’altro del rispetto delle disposizioni regolamentari, che impongono l’uso delle risorse con precise concentrazioni tematiche.

Il Programma FESR 2021/27, tenuto conto di ciò, attribuisce circa il 90,75% delle risorse FESR, al netto delle risorse assegnate all’assistenza tecnica, all’OP 1 - Un’Europa più competitiva e intelligente e all’OP 2 - Un’Europa resiliente, più verde e a basse emissioni di carbonio e più precisamente:

  • 42% circa all’OP 1 - Un’Europa più competitiva e intelligente;
  • 48,75% circa all’OP 2 - Un’Europa resiliente, più verde e a basse emissioni di carbonio.

Le risorse residuali, pari a 9,25%, sono destinate alla valorizzazione della cultura e del turismo nell’ambito dell’OP4 - Un’Europa più sociale e inclusiva.

Il 6 aprile 2022, il Consiglio regionale ha approvato la proposta di Programma che è stato inoltrato ai competenti servizi della Commissione europea e dello Stato per l’avvio del negoziato, che si concluderà verosimilmente in autunno, con l’adozione della decisione da parte della Commissione europea.

Avviso di deposito documentazione procedimento VAS (D.lgs 152/2006 e l.r. n° 12/2009, art. 11).

La Struttura programmi per lo sviluppo regionale, in qualità di autorità proponente, ha trasmesso la documentazione relativa al Programma FESR 2021-2027 della Regione Valle d’Aosta, ed il relativo Rapporto ambientale, ai fini dell’attivazione del procedimento di Valutazione Ambientale Strategica (VAS) ai sensi del D.lgs 152/2006 e dall’ art. 11 della l.r. 12/2009.

Ai sensi delle suddette normative, chiunque può prendere visione della sopracitata documentazione consultabile presso il seguente link:

https://www.regione.vda.it/territorio/ambiente/valutazioniambientali/vas/vas_dettaglio_i.asp?pk=2376

e presentare, entro il termine di 45 giorni dalla data della presente pubblicazione sul Bollettino ufficiale della Regione, proprie osservazioni scritte alla Struttura valutazioni, autorizzazioni ambientali e qualità dell’aria, dell’Assessorato ambiente, trasporti e mobilità sostenibile.