La VallE d'Aosta e l'Europa

Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC)

In questa sezione trovi tutte le informazioni utili per conoscere il Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC), conosciuto anche come Fondo per le aree sottoutilizzate (FAS).

Cos’è

Il Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC), denominato Fondo per le aree sottoutilizzate (FAS) fino al 2011, promuove lo sviluppo della coesione economica, sociale e territoriale e la rimozione degli squilibri economici e sociali tra le diverse aree del Paese, congiuntamente ai fondi strutturali europei.

A chi si rivolge

Il Fondo è destinato alle amministrazioni regionali e locali, risponde ai bisogni dei territori e finanzia progetti strategici, sia di carattere infrastrutturale sia di carattere immateriale, di rilievo nazionale, interregionale e regionale.

Come funziona

Il Fondo ha carattere pluriennale e segue temporalmente la programmazione dei Fondi europei. Per quanto concerne l'utilizzo delle risorse, la normativa attribuisce al Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPE) il compito di ripartire, con proprie deliberazioni, la dotazione del Fondo tra gli interventi in esso compresi. L’attuazione avviene prevalentemente attraverso Piani operativi e Piani stralcio a valenza nazionale, con ricadute sui territori regionali/locali. 

Gli interventi possono esser attuati:

  1. direttamente dalle Amministrazioni destinatarie delle risorse;
  2. mediante convenzioni/contratti con i soggetti attuatori o Accordi di Programma Quadro rafforzati Stato/Regione.

La governance dei Piani operativi e Piani stralcio prevede che:

Le regole di funzionamento del Fondo, con particolare riferimento alle modalità di attuazione, sorveglianza e monitoraggio sono contenute nei Piani stessi e declinate nella deliberazione del Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPEn. 25, del 10 agosto 2016 e nella circolare n.1 del 2017 del Ministro per la coesione territoriale e il mezzogiorno.

Come comunicare

La comunicazione è una delle funzioni in capo alle Strutture di coordinamento del Piano e ai beneficiari per assicurare visibilità agli interventi e ai risultati raggiunti. In questo ciclo di programmazione si è ritenuto di rafforzare il ruolo della comunicazione e dell'informazione in merito agli investimenti realizzati attraverso i fondi stanziati.

Al fine di assicurare adeguata visibilità al finanziamento statale a valere sulle risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC) 2014/20, i beneficiari sono tenuti a osservare le regole in materia di informazione e pubblicità individuate puntualmente per ogni singolo Piano dal Ministero di riferimento e riportate nelle specifiche Convenzioni.

Ti potrebbe interessare