La Valle d'Aosta e l'Europa

Logo Europa

Progetto Erasmus+ ‘Oasis - evOlutive and Attractive SocIal jobS’

Un nuovo progetto per sostenere il futuro delle professioni sociali e sanitarie nel post-Covid19

Photo by Dominik Lange on Unsplash

Nei prossimi due anni, tramite stage e visite studio all’interno dei paesi partecipanti, il Progetto lavorerà sull’elaborazione di strumenti per fronteggiare le sfide che affronteranno le professioni socio-sanitarie, con particolare riferimento, per la Valle d’Aosta, ai servizi di mediazione digitale e di inclusione sociale.

OASIS è stato approvato nel bando Partenariati strategici – Scambi di buone pratiche del Programma tematico, gestito dalla Commissione Europea, Erasmus+ che l’ha scelto con altri 60 progetti tra i 150 presentati. Al Progetto aderiscono il Dipartimento politiche del lavoro e della formazione della Regione autonoma Valle d’Aosta, il Conseil départemental de l’Isère, (Francia - Isère), in qualità di Capofila, la Red Internacional B-Live (Spagna – Murcia), ONG attiva nei settori dell'inclusione e dell'uguaglianza sociale, e il Centrul judetean de resurse si asistentã educationalã Alba (Romania – Alba), un'unità specializzata nell’istruzione pre-universitaria e nell’orientamento.

Il budget assegnato dal Programma Erasmus+ al Progetto è di poco superiore a 100.000€, di cui più di 20.000€ a vantaggio della Regione Valle d’Aosta.

I risultati attesi dal Progetto sono di grande interesse strategico poiché permetteranno di condividere a livello europeo le buone pratiche nel campo delle politiche attive del lavoro e socio-sanitarie. Estremamente importante sarà inoltre la condivisione con i partner delle procedure migliori studiate per garantire a tutti l’accesso ai servizi pubblici digitali e il sostegno al diritto al lavoro delle persone in situazione di disabilità, due campi di intervento innovativi e sulla cui importanza la crisi Covid-19 ha acceso i riflettori. Il Progetto metterà al centro ‘i bisogni e le attese dei cittadini e degli utenti dei servizi’ e, proprio partendo dal loro vissuto, saranno elaborate proposte per migliorare le professioni socio-sanitarie del futuro, anche individuando nuovi profili professionali e rafforzando le competenze di quelli esistenti.