Vai al contenuto principale

La Valle d'Aosta e l'Europa

Logo Europa

Piano Sviluppo e Coesione (PSC) 2000-2020

In questa pagina trovi informazioni sul Piano Sviluppo e Coesione (PSC) 2000-2020 della Regione autonoma Valle d’Aosta/Vallée d’Aoste e l'area riservata del Comitato di sorveglianza. 

trittico FSC

Al fine di migliorare il coordinamento unitario e la qualità degli investimenti finanziati con le risorse nazionali destinate alle politiche di coesione dei cicli di programmazione 2000/2006, 2007/2013 e 2014/2020, nonché di accelerarne la spesa, per ciascuna amministrazione centrale, regione o città metropolitana titolare di risorse a valere sul Fondo per lo sviluppo e coesione di cui all’art. 4, del decreto legislativo 31 maggio 2011, n. 88, in sostituzione della pluralità degli attuali documenti programmatori variamente denominati e tenendo conto degli interventi ivi inclusi, l’Agenzia per la coesione territoriale ha proceduto, sentite le amministrazioni interessate, ad una riclassificazione di tali strumenti e sottoposto, all’approvazione del CIPE, su proposta del Ministro per il sud e la coesione territoriale, un unico Piano operativo per ogni amministrazione denominato «Piano sviluppo e coesione», con modalità unitarie di gestione e monitoraggio.

Per simmetria con i programmi operativi europei, ciascun Piano sviluppo e coesione (PSC) è articolato per aree tematiche, in analogia agli obiettivi tematici dell’Accordo di partenariato.

Piano Sviluppo e Coesione (PSC) 2000-2020 della Regione autonoma Valle d’Aosta/Vallée d’Aoste

La delibera CIPESS n. 28 del 2021 ha approvato, su proposta del Ministro per il Sud e la coesione territoriale, il Piano di Sviluppo e Coesione (PSC) a titolarità della Regione autonoma Valle d’Aosta ai sensi dell’articolo 44 del decreto legge 30 aprile 2019, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 giugno 2019, n. 58.

Nel PSC confluiscono risorse del Fondo sviluppo e coesione per un valore complessivo di 77,09 milioni di euro, che, in base alla provenienza contabile, sono attribuite:

  • al periodo 2000-2006 per 23,25 milioni di euro;
  • al periodo 2007-2013 per 35,04 milioni di euro;
  • al periodo 2014-2020 per 18,80 milioni di euro.

Il PSC, in prima approvazione, è articolato in:

  • sezione ordinaria, per un valore di 58,29 milioni di euro di cui 23,25 milioni di euro a valere sull’Intesa Istituzionale di Programma (IIP) Valle d’Aosta 2000/2006 e 35,04 milioni di euro a valere sul Programma attuativo regionale (PAR) FAS Valle d’Aosta 2007/2013.

57,27 milioni di euro afferenti a interventi dotati di progettazione esecutiva o con procedura di aggiudicazione avviata alla data di entrata in vigore del citato decreto-legge;

1,02 milioni di euro afferenti a interventi che, pur non rientrando nella suddetta casistica, sono stati valutati favorevolmente da parte del Dipartimento per le politiche di coesione della Presidenza del Consiglio dei ministri e dall’Agenzia per la coesione territoriale.

  • sezione speciale, per un valore complessivo di 18,80 milioni di euro, di nuove assegnazioni FSC 2014/2020 per copertura interventi/linee di azione ex fondi strutturali POR FESR FSE 2014-2020, di cui alla delibera CIPESS n. 49/2020.

Comitato di sorveglianza del PSC

Il Comitato di sorveglianza del Piano Sviluppo e Coesione della Regione autonoma Valle d’Aosta/Vallée d’Aoste è stato istituito con delibera della Giunta regionale n. 1414/2021 mediante l’aggiornamento del Comitato di sorveglianza del Programma attuativo regionale (PAR) FAS Valle d’Aosta 2007/2013 (istituito con DGR n. 1918 del 10 luglio 2009), coerentemente con quanto previsto dall’articolo 44 del decreto-legge 34/2019 e dalla delibera CIPESS n. 2/2021.

Area riservata Comitato di sorveglianza Piano Sviluppo e Coesione (PSC)

Riunioni

Qui di seguito troverai la rassegna completa delle riunioni del Cds del Piano Sviluppo e Coesione 2000-2020 della Regione autonoma Valle d'Aosta.

Relazioni di attuazione e/o finali

Relazione di attuazione annuale (RAA)

Le relazioni di attuazione riferite ciascuna all’anno precedente, devono contenere, per area tematica e settore d’intervento, una sintesi dell’avanzamento finanziario (impegni e pagamenti) realizzato nell’anno di riferimento, unitamente a ogni elemento utile ad apprezzare i progressi del Piano (inclusi i risultati delle verifiche sui progetti e delle valutazioni già disponibili), l’evidenziazione e motivazione dell’eventuale scostamento della spesa realizzata rispetto alle previsioni contenute nel piano finanziario, l’indicazione dei progetti oggetto di rendicontazione - in itinere o conclusa – sui programmi comunitari, nonché le informazioni sulle obbligazioni giuridicamente vincolanti assunte. Tali relazioni sono approvate dal CdS entro il 15 maggio di ciascun anno.

Relazione finale di chiusura parziale triennale 

Ogni triennio il CdS provvede all’approvazione di una relazione finale di chiusura parziale del Piano, relativa alle risorse associate a progetti conclusi per ciascuna area tematica, indicando i relativi risultati raggiunti e le pertinenti evidenze delle valutazioni. Inoltre le relazioni finali danno conto, per il complesso del PSC, delle risorse effettivamente impiegate alla data di chiusura parziale rispetto alle previsioni del piano finanziario.

In sede di prima applicazione, il CdS ha provveduto all’approvazione di una relazione finale di chiusura parziale entro il 31 dicembre 2021, con riferimento alle risorse FSC 2000-2006 o anche 2007-2013 associate ai progetti conclusi per ciascuna area tematica.

Le successive relazioni finali sono previste, in prima istanza, entro il 30 settembre 2024, in relazione all’attuazione del PSC alla data del 31 dicembre 2023.