Vai al contenuto principale

La Valle d'Aosta e l'Europa

Logo Europa

Gestione e controllo FESR 2014/20

quatrittico immagine orizzontale

In questa pagina trovi informazioni sul Sigeco, l'attività di monitoraggio e valutazione e le misure antifrode.

Si.Ge.Co.

Il Sigeco (Sistema di gestione e controllo) delinea le funzioni e le procedure delle due Autorità previste per l’attuazione del Programma (Adg e Adc) sulla base delle indicazioni derivanti dalla normativa europea e da previsioni di carattere nazionale, in un quadro di piena corrispondenza con la normativa regionale in tema di organizzazione delle strutture amministrative.

Il Manuale delle procedure dell’Autorità di gestione, con i relativi allegati, costituisce lo strumento operativo per i beneficiari e per tutti i soggetti che intervengono a vario titolo nell’attuazione del Programma (Strutture regionali/Organismi intermedi). Contiene la descrizione dettagliata delle procedure dell’Autorità di gestione.

Aggiornamento SIGECO

Con DGR n. 840 dell’8 luglio 2021 (allegato B), è stato approvato l’Addendum al Sistema di gestione e controllo del Programma “Investimenti per la crescita e l’occupazione 2014/20 (FESR)” da applicarsi al Progetto “Spese emergenziali anticipate a carico dello Stato per rafforzare la capacità di risposta alla crisi dei servizi sanitari”.

Piano degli indicatori

Gli indicatori consentono di verificare i progressi nell’esecuzione del Programma “Investimenti per la crescita e l’occupazione 2014/20 (FESR)” e in che misura vengono raggiunti gli obiettivi pianificati. L’Autorità di gestione ha elaborato un "Piano degli indicatori", così come richiesto dai regolamenti europei.
Per effetto di alcune variazioni emerse nel corso degli anni, dal momento dell'approvazione del Programma, l'Adg del FESR ha dovuto provvedere all'aggiornamento del Piano.

Le ultime modifiche sono state approvate dalla Commissione europea con decisione C(2020) 3753 dell'8 giugno 2020.

Indicatori di risultato e di output

L’articolo 96 del regolamento (UE) 1303/2013 stabilisce che i Programmi operativi (P.O.) definiscano:

  • I risultati previsti per gli obiettivi specifici e i corrispondenti indicatori di risultato, con un valore di riferimento e un valore obiettivo, se del caso quantificato conformemente alle norme specifiche di ciascun fondo;
  • Gli indicatori di output, compreso il valore obiettivo quantificato, che si prevede contribuiscano al raggiungimento dei risultati, conformemente alle norme specifiche di ciascun fondo, per ciascuna priorità di investimento.

Monitoraggio

Il monitoraggio è il complesso di procedure, tecniche e attività volte alla rilevazione e al trattamento dei dati relativi allo stato di attuazione finanziaria, fisica e procedurale dei programmi cofinanziati indispensabili per garantire una corretta sorveglianza e valutazione degli stessi. La Regione autonoma Valle d'Aosta ha realizzato il sistema informativo SISPREG2014 che permette di monitorare i Programmi e di supportare le attività di rendicontazione e certificazione delle spese. Le operazioni di monitoraggio si svolgono bimestralmente.

Gestione Progetti SISPREG2014

Valutazione

Le valutazioni sono volte a migliorare la qualità, l'efficacia e la coerenza dell'intervento dei Fondi nonché la strategia e l'attuazione dei programmi operativi. Particolare riguardo vi è per i problemi strutturali specifici che caratterizzano gli Stati membri e le regioni interessate, tenendo conto, al tempo stesso, dell'obiettivo di sviluppo sostenibile e della pertinente normativa comunitaria in materia di valutazione di impatto ambientale (Via) e valutazione ambientale strategica (Vas). Le valutazioni possono essere di natura strategica, al fine di esaminare l'evoluzione di un programma (o di un gruppo di programmi) rispetto alle priorità comunitarie e nazionali, oppure di natura operativa, al fine di sostenere la sorveglianza di un programma operativo.

Le valutazioni sono effettuate prima (valutazione ex ante), durante (valutazione in itineree dopo (valutazione ex postil periodo di programmazione.

Valutazione ex ante

Effettuata sotto la responsabilità dell'Autorità di gestione del Programma, è presentata alla Commissione europea contemporaneamente al Programma stesso, unitamente ad una sintesi.

Valutazione ambientale strategica

Costituisce un importante strumento per l'integrazione delle considerazioni di carattere ambientale nell'elaborazione dei programmi che possono avere effetti significativi sull'ambiente, in quanto garantisce che gli effetti dell'attuazione dei piani e dei programmi siano presi in considerazione prima della loro adozione formale.

Valutazione in itinere

In questa fase si intende valutare la capacità di conseguimento degli orientamenti strategici assunti nella Politica regionale di sviluppo e in ciascuno dei Programmi considerati e, quindi, del valore aggiunto che essi, tanto nel complesso quanto singolarmente, sono in grado di apportare all’attuazione della Strategia Europa 2020. In termini operativi, si tratta di analizzare e misurare:

  • il conseguimento di obiettivi tematici, priorità d’investimento, obiettivi specifici e degli obiettivi trasversali dei Programmi (promozione della parità di genere, non discriminazione e sviluppo sostenibile) della Politica regionale di sviluppo (dimensione collettiva, focalizzazione sulla specificità alpina, approccio partecipativo);
  • i livelli di realizzazione e i risultati degli interventi attuati nonché, ove possibile per quella che ne è la tipologia, anche il loro impatto nel periodo di attuazione della programmazione;
  • le problematicità incontrate nella fase di attuazione e le modalità/azioni che possono essere implementate per il loro superamento.

Relazione di sintesi delle valutazioni (art. 114.2 del Reg. (UE) 1303/2013)

La relazione sintetizza le conclusioni delle valutazioni effettuate durante il periodo di programmazione e i risultati principali ottenuti dal programma operativo, come previsto dall'art.114(2) del Regolamento 1303/2013.

Valutazione ex post

La principale finalità di questa fase consiste nel valutare l’efficacia e il follow up dei programmi cofinanziati, riguardo al contributo che essi sono stati in grado di generare per il conseguimento delle priorità e degli obiettivi della strategia Europa 2020. Il soggetto principale che si fa carico della realizzazione di questa fase valutativa è la Commissione europea, secondo una tempistica realizzativa che individua nel dicembre 2024 la data di conclusione.

Antifrode

L’Autorità di gestione istituisce misure antifrode efficaci e proporzionate, tenendo conto dei rischi individuati. La Commissione europea raccomanda che le Autorità di gestione adottino un approccio strutturato e mirato alla gestione del rischio frode e, a tale proposito, ha sviluppato uno strumento informatico integrato per la valutazione del rischio frode per supportare le attività di verifica delle Autorità di gestione dei Fondi SIE e contenente dati provenienti da varie fonti interne ed esterne al Programma. Pertanto, i dati contenuti nelle banche dati a disposizione della Commissione europea saranno utilizzati, attraverso l’applicativo informatico Arachne, dall’Autorità di gestione per l’individuazione degli indicatori di rischio frode.

Strumento di valutazione del rischio Arachne